Giardini inglesi e profumi miracolosi.

Mio caro Lancelot

quanto ho riso l’altro giorno quando ho saputo da Horace che ti è stato dato il soprannome di Capability! Lo trovo molto gustoso ma stai certo che preferisco di gran lunga il tuo nome, Lancelot, così bello e avventuroso. Trovo che fugga alla sottomissione della banalità, proprio come i tuoi giardini.

Ritratto di Lancelot "Capability" Brown - Pinterest personale
Ritratto di Lancelot “Capability” Brown – Pinterest personale

Leggi tutto “Giardini inglesi e profumi miracolosi.”

Condividi

Soggiornare in “Italian Riviera” per una libera creatività.

Si sa, gli inglesi sono inarrestabili, vanno dappertutto. Possiedono una speciale curiosità e una spiccata predisposizione per l’avventura che li spinge a superare i confini di casa all’inseguimento dell’altrove. Sono escursionisti nati. Non importa quanto i luoghi siano inospitali, le genti bizzarre e gli spostamenti travagliati. Preparano i bagagli e partono.

Bagaglio vintage in coccodrillo - Pinterst personale.
Bagaglio vintage in coccodrillo – Pinterst personale.

Sofisticati, ironici e mutevoli, entusiasti e bellicosi, i figli di Albione si distinguono per comportamento aristocratico ed eleganza dei gesti. Hanno una deliziosa propensione per segreti e misteri, vivono in contee romantiche, tra baie isolate e ripide scogliere, possiedono un amore ostinato per il mare, i giardini, il teatro e le scommesse. Stravaganti e intelligenti, conoscono bene le contraddizioni umane. Gentili, garbati e tuttavia tremendamente volgari, perfezionisti e formali, non possono vivere senza il tè delle cinque e quella condizione di isolani che aspirano alla conquista del mondo.

Leggi tutto “Soggiornare in “Italian Riviera” per una libera creatività.”

Condividi

Cardamomo, papiro e incenso per sognare Timbuktù.

Mettiamo che il peso delle consuetudini vi opprima e che convenzioni e obblighi vi abbiano stancato. Da un bel po’ i vostri giorni sono grigi. Il sole fatica a fare capolino nella vostra vita, doveri e pratiche da sbrigare non vi danno tregua. Mentre vi convincete che i momenti piacevoli tardano ad arrivare, il cuore vi comunica l’urgente bisogno di rintanarvi su un atollo.

Pinterest personale
Pinterest personale

Leggi tutto “Cardamomo, papiro e incenso per sognare Timbuktù.”

Condividi

Il fascino di un pittore di nome Enrico Fonda.

L’inverno del 1929 è implacabile in tutta Europa. Il gelo ferisce le mani e i volti, fa scorrere lacrime inconsapevoli, il respiro diventa ghiaccio sulle labbra. Strade e passaggi sono ostruiti dalla neve, la temperatura scende fino a -20, telegrafi e telefoni sono interrotti per ore. Febbraio a Parigi è crudele, ostinatamente bianco. La neve continua a cadere e il sole pallido è solo un’illusione di luce che svanisce presto. Le notti sono maligne, rigide. Il lago al Bois de Boulogne è gelato, le pozze d’acqua sono specchi ondulati, il grande freddo rapisce gli affetti alle famiglie, infierisce sui corpi stanchi, distrugge anime affrante. A Meudon, nei sobborghi di Parigi, la gelida signora attira nella sua rete un giovane maestro di grande talento, il pittore Enrico Fonda.

 

Enrico Fonda - Le café de Meudon - Pinterest personale
Enrico Fonda – Le café de Meudon – Pinterest personale

Leggi tutto “Il fascino di un pittore di nome Enrico Fonda.”

Condividi

Famiglia pervasiva con napoleonico Chambertin.

Portoferraio, Isola d’Elba, 1814. Quasi fine estate. Il vento da nord porta l’urgenza della fuga unita a fresche voci di donne. Ci credereste? Sono sull’isola per un’intervista impossibile a Napoleone Bonaparte. Uomo di straordinaria immaginazione creativa e intelligenza, capacità di analisi, definizione di obiettivi e calcolo dei risultati, capace di lavorare sotto stress e talmente proattivo che oggi potrebbe tranquillamente superare quei geni di François-Henri Pinault, Jeff Bezos e Jack Ma messi assieme. Strategicamente, potrebbe essere un governante di assoluta genialità, disposto a strabilianti avventure finanziarie ed entusiasmanti colpi di scena basati sulla consapevolezza delle proprie capacità politiche, militari e diplomatiche.

Antoine Jean Gros - Bonaparte al Ponte di Arcole, 1796. Museo del Louvre - Parigi.
Antoine Jean Gros – Bonaparte al Ponte di Arcole, 1796. Museo del Louvre – Parigi.

Leggi tutto “Famiglia pervasiva con napoleonico Chambertin.”

Condividi