Silente solitudine in zona S. Giovanni al Natisone.

È vero, siamo stati avvertiti. La giornata FAI a S. Giovanni al Natisone  avrebbe potuto subire delle variazioni. Ma noi, piccolo gruppo di impavidi archivisti paleografi, complici aria tiepida e sole garrulo, pensiamo solo a godere della visita a villa De Brandis con estrema fiducia,  cinguettanti come merli canterini e gracchianti come corvi.

 

Il parcheggio davanti alla dimora gentilizia è, ai miei occhi, inspiegabilmente vuoto. Stupore, meraviglia o ingenuità? Siamo tutti avvezzi a non trovare luoghi di sosta liberi che tanto spazio ci lascia sbalorditi. Ci incamminiamo verso la villa, sede dell’attuale biblioteca civica, dove troviamo, ahimè, i cancelli sbarrati.

Ma visto che siamo in anticipo e con un certo appetito, partiamo alla scoperta del centro di S. Giovanni al Natisone. Domenica. Strada principale e vie secondarie. Silenzio. Deserto. Quello dei tartari. Non passa nessuno. Anche le anime trascurano il centro, sono volate via. All’improvviso, qualche macchina, di passaggio. Arriva, percorre la strada e svanisce, nella campagna. Al paese gli ospite non sono attesi. Forse manca la vocazione turistica. I bar sono chiusi. La domenica mattina, il caffè si prende solo a casa. Non esistono ristoranti, mancano trattorie, pizzerie, osterie o gradevoli locande dove far riposare le stanche membra e ristorare la gola con un cosciotto d’agnello e una pinta di birra! (si fa per dire, sarebbe andato bene pure un panino al prosciutto).  Che disdetta! Area disabitata, presenze aliene o abitanti riservati? Atmosfera surreale, formato campagna friulana. Modello Edward Hopper.

Edward Hopper, Early Sunday Morning, 1930

Improvvisa parvenza di realtà: mamma, bambina e bicicletta. Chiediamo informazioni per una eventuale ristorazione sostanziosa nelle vicinanze. Il leggero appetito si è trasformato in stato di bisogno e formalmente abbiamo superato l’ora del pasto principale. Su di noi si posa lo sguardo sconsolato di chi ha consuetudine a forme spettrali di convivenza domenicale. Scopriamo che non vi è nulla di più avventuroso della passione storica. Porta ad una condizione di indigenza. In paese è operativo solo il produttore di pizza al taglio. Sopportiamo la fame. Homo sum et humani nihil a me alienum puto. Se non possiamo nutrirci di cibo, ci nutriremo di sapere. Ebbene si, la passione dei documenti ci divora, un mobile antico travolge la nostra immaginazione, i settemila volumi del fondo antico De Brandis si imbattono nella nostra dimensione più insaziabile di bibliofili. Amiamo la carta.

Ci proponiamo di nobilitare il nostro sguardo con i dipinti e le stampe antiche che già hanno conferito, o almeno lo speriamo, levità ai De Brandis, vogliamo farci affascinare dallo snodarsi placido del patrimonio librario del paese.

Segnalo a tutti gli amanti dei libri, agli ossessionati delle edizioni rare, ai cacciatori di volumi introvabili, ai potenziali collezionisti di libri maledetti, ai ladri di pubblicazioni apocrife, che la biblioteca civica villa De Brandis gode di un piacevole e profumato parco.

Che nient’altro vuole dire che se vi volete godere quel meraviglioso tormento che è la lettura, avete a vostra disposizione un piccolo bosco privato, un parco delle Muse primaverile, che qualifica il luogo come regno ideale del lettore. Lo stato selvatico di certi passaggi, le palme che recitano una scena tropicale veramente suggestiva e il laghetto centrale ne fanno un vero paesaggio organizzato di emozioni armoniche. Tipiche anima di giardino all’inglese, qui progettato dall’agronomo di origini lombarde Giuseppe Rho. Siamo entusiasti ma veniamo presto travolti dalla mutevolezza delle emozioni. L’ingresso di villa de Brandis resta sbarrato. Ci raggiungono alcune coppie, aspiranti  visitatori, ma provano la nostra stessa delusione, incalzante. Il lavoro dell’immaginazione si arresta e produce una piccola spaccatura nell’armonia della giornata. I minuti passano, inesorabili, nessun potente incantesimo muta la forma del portone, lo spirito della contessa Caterina sospira, chiuso nella sua camera appartata. Nulla riesce a strapparlo dallo stato di solitudine. Grande sarebbe stata la sua gioia nell’ascoltare le conversazioni dei visitatori che l’avrebbero informato di quanto accadeva fuori. Grande sarebbe stata la nostra felicità a poter, con gli occhi, scavare nei ricordi remoti.

Condividi

Ardenne di guerra e champagne ghiacciato

Julian Lambert era stato un bambino freddoloso. Nei giorni in cui vento e gelo si insinuavano nelle fenditure del vecchio cottage, sfuggiva al freddo dormendo con uno scaldaletto bollente al massimo. Le mani fredde, le infilava nelle tasche per proteggerle con il calore del corpo. La mattina, prima di uscire e percorrere la strada che lo portava a scuola, indossava due paia di guanti di lana. Spesso non bastavano. I maglioni di mohair lavorati con i ferri artritici  della vecchia Liversidge, nubile e imbronciata amica di famiglia, venivano accolti cordialmente sotto forma di dono prezioso. Si riprometteva di chiedere a sua madre di indossare le mutande lunghe che suo padre si rifiutava di mettere malgrado le temperature polari. Sebbene provasse un certo imbarazzo all’idea di sovraccaricarsi di indumenti, Julian aveva fantasticamente realizzato che il freddo era parte di una certa fragilità femminile, preferiva accettare la ruvida e indiscreta presenza delle mutande di lana che concedere a brividi gelati e invadenti tremori di torturarli il corpo. Poi, un giorno, il freddo si stufò di abitare la persona di Julian Lambert e se ne andò da qualche altra parte. Leggi tutto “Ardenne di guerra e champagne ghiacciato”

Condividi

Maschere, commedie e vini teatrali

Sapete quella soddisfazione profonda, quel senso di vittoria, di esausto compiacimento, di soufflé spossato che vi prende quando avete profuso tutte le energie per raggiungere l’obiettivo che vi eravate posti? Quando niente vi può fermare, quando siete tutto un rimescolio e imperterriti vi muovete per raggiungere la meta e quando siete finalmente in cima, vi abbandonate a respirare il profumo della vittoria e pensate che siete stati ambiziosi, fiduciosi e appassionati? E che adesso siete straordinariamente stanchi? Comunque alla fine il vostro proposito è stato raggiunto? Ecco, così si sentono i partecipanti de Il comitato Amici del Teatro del paese. Finalmente nelle sue tasche è depositato un bel gruzzolo, generosamente elargito da alcune istituzioni beneamate. La festa può iniziare. Anzi lo spettacolo. L’associazione di donne generose che si prodigano per reprimere la noia e la formazione di riprovevoli pensieri e disdicevoli azioni, sono pronte per assemblare corpi, emozioni, cultura, cartapesta, stoffa e polvere da palcoscenico. Leggi tutto “Maschere, commedie e vini teatrali”

Condividi

Paté, Parmiggiano e Malvasia. Peccati di gola.

La S.V. è invitata a trascorrere la gelida notte della Candelora nella dimora di sir Roger de Coverley. Che non è un vero sir perché è il nostro amico Ruggero detto de Coverley  in quanto amante della suddetta danza praticata su suolo britannico durante la Reggenza del principe Giorgio per onorare la stagione invernale. Le motivazioni per i divorzi sono infinite, le soluzioni per risalire la china, anche. Ruggero mitiga l’angoscia della solitudine, pardon dell’autonomia, con annesso carico/scarico lavatrice e stiratura camicie in solitaria, con corsi di ballo onnicomprensivi. Oltre ai consueti salsa, merengue, cha cha cha, i suoi maestri di volteggi e saltelli allungano il programma di apprendimento, costituito dalle consuete figure zeppe di giravolte e altre grammatiche danzerine, con alcuni ardimentosi movimenti ritmici più aulici e classici che descrivono balli come sarabanda, minuetto e la macchinosa Sir Roger de Coverley.

Le incessanti pressioni della solitudine sentimentale incoraggiano prodigiose alchimie umane e procurano irresistibili desideri di novità.

Leggi tutto “Paté, Parmiggiano e Malvasia. Peccati di gola.”

Condividi

Meditazioni spagiriche con Puligny Montrachet

Inaspettatamente, è rientrata al paese la zia Corallina.

Collezione privata

Priva di sue notizie da qualche mese a questa parte, ero giunta alla conclusione che eventuali informazioni su vagabondaggi e salute dell’ottuagenaria parente li potevo avere solo se avessi dato per prima segnali di vita. Insomma era da qualche giorno che mi ripromettevo di telefonarle. Corallina non ama parlare al telefono fisso, figuriamoci al cellulare. Di solito comunica con tradizionali lettere recapitate a domicilio dal postino. Di Corallina si può dire che gode da sempre di una robusta vitalità, poca propensione alle relazioni parentali e un’intensa nostalgia delle lontananze.

Leggi tutto “Meditazioni spagiriche con Puligny Montrachet”

Condividi