Torino va di moda. 1

Immaginate che un sabato mattina vi svegliate particolarmente felici. Non sarà un sabato come tutti gli altri: avete in mente di fare qualcosa di particolare. Trascurate l’idea di andare a visitare musei e mostre d’arte, boschi e campagne faranno a meno di voi in questa giornata. Schivate l’acquisto di un nuovo paio di scarpe o un insolito e inaspettato tête a tête con vostro marito. A me succede spesso qualcosa di simile, di essere pervasa da un’ urgenza impellente a realizzare qualcosa di “usualmente femminile e sobriamente elegante”. E’ un momento particolare in cui il bisogno di  confidarmi con le donne forti e dal cuore grande della mia famiglia bussa alla porta del cuore. Allora vado loro incontro, negli spazi nascosti della memoria e nelle immagini che conservo gelosamente nel mio piccolo archivio fotografico. Sono  ricordi di grandissimo valore intagliati nell’anima, portati nel presente come piccoli gioielli preziosi perché del passato niente è perduto per sempre. Chiudo le finestre, l’aria è fresca e profuma d’autunno. All’interno del mio nido silenzioso, sfioro con tenerezza il grigio e l’ocra delle vecchie fotografie.  Conservate scrupolosamente, vi ritrovo donne garbate e  sorridenti, signore malinconiche dell’epoca de «i cappelli alati». La loro compagnia mi aiuta a rifuggire da «la lentezza peccaminosa delle folle domenicali» che non amo. Mi fanno compagnia i racconti colmi d’entusiasmo della Nonna, l’influsso magico che le sartorie di Torino avevano esercitato su di lei e su Luigia Maria, cugina direttissima. La pura seduzione poetica  di Marinetti, così amato dalla raffinata Angiolina : «i grandi sarti Parigini che mediante l’invenzione veloce della moda, creano la passione del nuovo e l’odio per il già visto».

Lussuria - Marinetti

Leggi tutto “Torino va di moda. 1”

Condividi

Escursioni mitiche nella valle del Vipacco

Giovedì pomeriggio di felicità suprema. Ho appena saputo che per tre giorni sarò libera di bighellonare a mio piacimento. Le previsioni meteo proclamano fiduciose che il tempo sarà soleggiato o solo parzialmente nuvoloso. Preparo subito la mia valigetta “da tre giorni”, dove riesco, con perizia, a introdurre mezza casa. In spalla, pronto anche lo zaino piccolo. Il bagagliaio della macchina ospita le scarpe buone per camminare. Cammino per essere rapita dal fascino della vita e della natura, cammino per contemplare. Mi fanno compagnia i saggi dell’antichità, celebratori della deambulatio come rimedio per ogni male. La vix medicatrix naturae di Ippocrate e Avicenna ha trovato in me una fervida sostenitrice. Parto, ringalluzzita dal pensiero di Thoreau. Un vero amico per l’anima femminile quando dice: come possano le donne sopportare di essere confinate in casa ancor più degli uomini, io non lo capisco; ma ho motivo di ritenere che la maggior parte di esse non lo sopporti affatto. Non è che proprio non lo sopporti affatto, io a casa sto bene. Ma è altrettanto vero, che il mio temperamento inquieto mi spinge a  cercare la vita nel vento e nelle nuvole. Così, venerdì mattina, piuttosto esultante, abbandono i miei oneri quotidiani e decido la direzione da scegliere. Lascio la città, raggiungo il Carso triestino e mi fermo per il primo caffè a Sgonico. Sento il bisogno di boschi e prati, di fiori e di acque. Salgo in macchina. Davanti a me un carpino, base per un gruppo di rumorosi storni comuni. Raggiungo il confine con la Slovenia. Mi fanno da guida la natura e qualche cartello giallo. Approfitto delle opportunità che mi si presentano. Unica meta certa Vitovlje.

Leggi tutto “Escursioni mitiche nella valle del Vipacco”

Condividi